Traduttori in movimento

Traduttori in movimento

Seminario per traduttori e revisori editoriali
Castello di Fosdinovo – VI Edizione 
22-23-24 luglio 2018

Con il sostegno della reale Ambasciata di Norvegia e del NORLA.

A cura di Ilide Carmignani e Maddalena Fossombroni.

 “Traduttori in movimento” offre la possibilità di lavorare per tre giorni su un testo fianco a fianco con colleghi per analizzare, discutere e condividere tutte le piccole grandi scelte della traduzione letteraria. Il laboratorio è pensato per chi da troppo tempo dialoga solo con revisori lontani e frettolosi e avverte la necessità di un momento qualificato di confronto e di crescita. I laboratori non sono un corso di traduzione ma una forma di aggiornamento permanente basato sullo scambio collettivo di esperienze. I coordinatori propongono i testi e moderano le riflessioni senza onere di docenza. Hanno accesso ai laboratori, come uditori, anche traduttori madrelingua delle lingue fonte.

 

I LABORATORI

Traduttori in Movimento 2018 offre due laboratori di traduzione sulla letteratura per ragazzi, il primo dall’inglese con Fiammetta Giorgi e Beatrice Masini (Bompiani), e il secondo dal francese con Maria Bastanzetti (Mondadori Ragazzi) e Yasmina Melaouah.  Si terranno, inoltre, un laboratorio sull’editing con Marco Cassini (SUR), Francesco Guglieri (Einaudi), Ena Marchi (Adelphi) ed Elisabetta Risari (Oscar Mondadori) e un laboratorio di traduzione dal norvegese con Maria Valeria D’Avino, Siri Nergaard e Cristina Gerosa (Iperborea).  Numero massimo di partecipanti per laboratorio: 15. 
 
IL LUOGO

Il Museo Castello Malaspina di Fosdinovo (Massa – Carrara)– Centro culturale sperimentale di ricerca nel linguaggio contemporaneo, è una struttura nella quale, accanto al percorso museale classico, trova sede una residenza per scrittori e per artisti visivi e un centro di produzione e di ricerca.
 
IL PROGRAMMA

I laboratori inizieranno domenica 22 luglio alle ore 15.00 e si concluderanno martedì 24 alle ore 13.00 per un totale di circa 16 ore di lavoro (ore 9.30-11.00 seminario, pausa caffè, 11.30-12.30 seminario, 12.30-13.30 incontro, pausa pranzo, 15.00-16.30, pausa caffè, 17.00-18.00 seminario, 18.00 incontro). I partecipanti dovranno presentarsi per l’accredito alle ore 14.00, muniti di un documento d’identità.
 
LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

Gli interessati, per presentare domanda, devono avere almeno una traduzione (intero volume) pubblicata. Unicamente per il laboratorio di traduzione dal norvegese, possono presentare domanda anche traduttori senza un volume pubblicato. Gli interessati dovranno inviare una mail a traduttorinmovimento@gmail.com e cc a infotraduttoriinmovimento@gmail.com indicando in oggetto: “Traduttori in movimento”: seminario prescelto. La domanda va inviata entro e non oltre il 15 aprile 2018, e dovrà avere in allegato un documento formato pdf (chiamato come il cognome dell'interessato) contenente: nome, cognome, data di nascita, residenza, recapito telefonico, seminario prescelto, elenco traduzioni ed eventuali revisioni, e curriculum vitae (il curriculum max. 2000 battute, pena esclusione).  

L’Ambasciata di Norvegia in Italia offre 3 borse di studio che coprono la quota d’iscrizione al laboratorio di traduzione dal norvegese. Se si intende concorrere per una delle borse di studio, è necessario specificarlo all’interno della domanda di partecipazione (pdf). 

Il nome di chi presenta domanda di partecipazione resterà assolutamente riservato. A parità di curriculum, avrà la precedenza chi per primo ha presentato domanda. Entro il 31 maggio verranno selezionati i partecipanti e verranno loro comunicate le modalità di versamento della quota di partecipazione. Quota di partecipazione: 190 euro. La cifra comprende: quota di iscrizione, cena del 22 luglio e pranzo e cena del 23 luglio.

Per gli interessati, albergo convenzionato la Castellana: http://www.albergolacastellana.com/

Per informazioni: infotraduttoriinmovimento@gmail.com – cell. 339 691 0756.

 
I RELATORI
 
Maria Bastanzetti ha deciso di fare la traduttrice in terza media. Dopo il liceo linguistico e la laurea in Lingue alla Statale di Milano, quasi da autodidatta (perché allora non esistevano tutti i corsi specialistici di oggi), ha tentato e ritentato di cominciare a tradurre. Alla fine ci è riuscita. Il primo libro, nel 1991, era un racconto per ragazzi spagnolo (anche piuttosto bruttino). Il più recente è un delizioso libro “minore” del suo autore prediletto, Timothée de Fombelle. In mezzo ci sono oltre 180 volumi dal francese, dallo spagnolo e dall’inglese, per lo più libri per ragazzi, con qualche felice incursione nella letteratura per grandi e, di recente, nella saggistica. Oltre a questo, da diversi anni lavora come redattrice e revisora esterna nel settore Ragazzi di Mondadori, e collabora con altri editori, fra cui Il Castoro, Salani, DeAgostini, Piemme, Terre di Mezzo.
 
Marco Cassini ha fondato le case editrici minimum fax nel 1994 e SUR nel 2011. È autore di una monografia su Raymond Carver (Carver, Gribaudo Paravia 1997) e ha curato Beats & bites (minimum fax 1996). Insieme a Martina Testa ha curato l’antologia di narrativa Burned Children of America (minimum fax 2001, Penguin UK 2003, poi tradotta in una decina di lingue), e per Isbn Edizioni Futuro dizionario d’America (2006). Nel 2008 Laterza ha pubblicato il suo Refusi. Diario di un editore incorreggibile. Con Gianmario Pilo organizza dal 2013 il festival della lettura di Ivrea La grande invasione e ha ideato Superfestival, un contenitore che riunisce un centinaio di festival culturali italiani. Dal 2017 è nello staff di Tribùk   – incontri fra editori e librai. È il direttore didattico della Scuola del libro.
 
Maria Valeria D’Avino è nata a Roma, dove si è laureata in letterature della Scandinavia, completando gli studi a Copenaghen. Traduttrice e consulente per varie case editrici italiane, lavora principalmente dal norvegese e dal danese. Tra i suoi autori ci sono Knut Hamsun, Henrik Ibsen, Cora Sandel, Dag Solstad, Gaute Heivoll, Johan Harstad, Thorkild Hansen, Gunnar Gunnarsson, Jakob Wegelius, Siri Ranva. Ha tenuto laboratori di traduzione e di scrittura e insegna italiano L2 presso il centro interculturale Miguelim di Roma. 
 
Cristina Gerosa, dopo la laurea e molto vagabondare, ha lavorato e collaborato per diversi festival e marchi editoriali italiani, tra cui Il Saggiatore e ISBN Edizioni. Oggi è il direttore editoriale della casa editrice Iperborea, specializzata in letteratura del Nord Europa.
 
Fiammetta Giorgi, laureata in lettere classiche, dopo anni di esperienza come redattrice ha affrontato il mestiere di traduttore dal tedesco e dall’inglese, specializzandosi in narrativa per ragazzi (fra gli autori tradotti Christine Nöstlinger e Ann Brashares). È stata editor di narrativa per ragazzi per Piemme e Fabbri, poi Responsabile editoriale del settore libri per ragazzi e giovani adulti di Mondadori (2005-2014) e infine editor di narrativa per giovani adulti per Giunti.
 
Francesco Guglieri è editor per la Narrativa straniera e le Frontiere Einaudi. Tra gli autori seguiti Don DeLillo, Orhan Pamuk, Murakami Haruki, Delphine de Vigan. Ha tenuto corsi di Letterature comparate all'università di Genova e Torino. Collabora con “Robinson” di “Repubblica”, “IL” del “Sole 24 Ore”, “Rivista Studio”.
 
Ena Marchi dal 1990 è editor della narrativa francese e italiana della casa editrice Adelphi, con la quale ha incominciato a collaborare nel 1984 come traduttrice e lettrice. Ha tradotto e curato, fra gli altri, libri di Henri-Pierre Roché, Vivant Denon, Milan Kundera, Marcel Jouhandeau. Insieme con Giorgio Pinotti dirige la collana «Le Inchieste di Maigret». 
 
Beatrice Masini, nata a Milano, è giornalista (ha lavorato nelle redazioni di due quotidiani, “Il Giornale” e “La Voce”), traduttrice, autrice di libri per bambini, ragazzi e adulti. Lavora per la casa editrice Bompiani. I suoi libri per bambini e ragazzi sono tradotti in una ventina di Paesi. Ha vinto tra gli altri il Premio Andersen-Il mondo dell’infanzia, il Premio Pippi, il Premio Elsa Morante Ragazzi. Alcune delle sue opere: Ciao, tu (con Roberto Piumini), Se è una bambina, Corale greca, Bambini nel bosco, Solo con un cane, La cena del cuore.
 
Mariagrazia Mazzitelli si è laureata in Lingua e letteratura russa alla Cattolica di Milano nel 1985. Nello stesso anno ha iniziato a lavorare all'Electa; successivamente è passata alla divisione scolastica della Elemond (Electa, Einaudi, Mondadori).  Dal 1995 è alla Salani (GeMS, Gruppo editoriale Mauri Spagnol), di cui è  direttore editoriale dal 2000.  Tra gli autori per ragazzi e per adulti  della casa editrice storica – che ha compiuto   155 anni di attività  nel 2017 con un catalogo di oltre 1500 titoli - J.K. Rowling, Roald Dahl, Philip Pullman, Luis Sepúlveda, Daniel Pennac, Michael Ende, Astrid Lindgren, Jostein Gaarder, David Almond,  Jo Nesbo, Roddy Doyle, Silvana Gandolfi, Elisabetta Gnone, Giuseppe Festa, Jean Giono, Ernst Gombrich,  Jean Michel Guenassia, Elda Lanza, Albert Espinosa.
 
Yasmina Mélaouah traduce dal francese. Tra i suoi autori: Pennac, Chamoiseau, Saint-Exupéry, Mauvignier, Enard. Nel 2017 è uscita la nuova traduzione de La Peste di Albert Camus, autore di cui sta curando le ritraduzioni per l’editore Bompiani.
 
Siri Nergaard, insegna norvegese all’Università di Firenze e teoria del testo alla University College of Southeast Norway in Norvegia. I suoi ambiti di ricerca vanno dalla semiotica agli studi culturali e sono focalizzati sul problema della traduzione. Attualmente sta svolgendo ricerche sulla traduzione in collegamento con la migrazione. Oltre alla pubblicazione di saggi e articoli in volumi e riviste internazionali, ha curato le due antologie sulla traduzione pubblicate da Bompiani, rispettivamente La teoria della traduzione nella storia e Teorie contemporanee della traduzione. In co-curatela ha pubblicato Studi culturali: temi e prospettive a confronto (McGraw-Hill) e Spettri del potere: ideologia, identità, traduzione negli studi culturali (Meltemi). È redattrice della rivista internazionale “translation: A transdisciplinary journal”.
 
Elisabetta Risari si è laureata in letteratura latina alla Statale di Milano nel 1988, con un’analisi del significato della mitologia classica nelle opere di Ambrogio vescovo di Milano. Negli anni seguenti ha tradotto e introdotto per gli Oscar Mondadori la Germania di Tacito (1990) e le Catilinarie di Cicerone (1993). Entrata nel 1990 in Mondadori come redattore del settore Classici, caporedattore dal 1995, ha seguito direttamente o ha coordinato la pubblicazione di oltre metà dei titoli del catalogo dei Meridiani, oltre a svariate opere della Fondazione Valla e di altre collane. Dal 2010 è editor delle collane di classici e di classici moderni degli Oscar e della poesia.
 

Per ulteriori informazioni: traduttoriinmovimento2018