Restauro di arte contemporanea

IL SEMINARIO
Il seminario, nato in collaborazione con La Marrana arte ambientale, si propone di affrontare tutti i delicati argomenti del restauro di lavori di arte contemporanea direttamente sui luoghi in cui le opere sono conservate e a stretto contatto con i soggetti legati ad esse (artisti, curatori, fotografi, collezionisti..).

La proposta didattica presenta una varietà di stimoli educativi finalizzati ad una simulazione di intervento di manutenzione e restauro dei due luoghi messi a disposizione: il Castello Malaspina di Fosdinovo (che presenta le problematiche di conservazione all’interno di un edificio) ed il parco di arte ambientale la Marrana (che invece è utile per affrontare le problematiche che affliggono gli spazi esterni).

I luoghi
Il Museo Castello Malaspina di Fosdinovo (Massa – Carrara).
Centro culturale sperimentale
di ricerca nel linguaggio contemporaneo, è una struttura nella quale, accanto al percorso
museale classico, trova sede una residenza per scrittori e per artisti visivi e un centro di
produzione e di ricerca. All’interno del percorso museale trova sede anche una collezione di lavori di arte contemporanea.

La Marrana arte ambientale.
Dal 1997 La Marrana arte ambientale è spazio fondamentale per l’arte, ove artisti internazionalmente noti realizzano opere specifiche per il luogo in cui vengono collocate. Il Parco di Arte Ambientale situato in località La Marrana di Montemarcello, Ameglia (SP) – nell’ambito del Parco Naturale Regionale Montemarcello-Magra – è fra i luoghi più interessanti in cui ammirare opere di arte ambientale realizzate da artisti internazionali. L’inizio della sua storia risale al 1997 quando Grazia e Gianni Bolongaro decisero di trasformare la loro casa di Montemarcello e l’ampio terreno che la circonda in un punto di ritrovo per gli artisti e gli appassionati d’arte contemporanea. Il programma di attività, avviato con la mostra del persiano Hossein Golba, ha un elemento caratterizzante: la creazione di opere appositamente studiate per le singole collocazioni scelte dagli artisti.